Che cos'è il "libro degli spiriti"?




È la pietra miliare iniziale della codificazione della dottrina spiritista, essendo stata la prima opera ad essere pubblicata da Allan Kardec, il 18 aprile 1857, affrontando gli aspetti scientifici, filosofici e religiosi della dottrina, gettando le basi che, in futuro, sarebbero approfondite dal codificatore in altre opere: Il libro dei medi, Il vangelo secondo lo spiritismo, il paradiso, l'inferno e la genesi.

Oggi contiene 1019 domande e risposte, debitamente catalogate e raccolte per temi dal Codificatore, basate sugli insegnamenti trasmessi dagli Spiriti e sulle loro osservazioni sui fenomeni del mondo spirituale. Il libro, quindi, è il risultato di un'opera collettiva, di vera collaborazione tra Cielo e Terra, che presenta i principi della Dottrina Spiritista sull'immortalità dell'anima, la natura degli Spiriti e le loro relazioni con gli uomini, le Leggi Morali, la vita presente, la vita futura e il futuro dell'umanità. Come si può vedere, è stata la prima volta che la realtà spirituale, sebbene sia sempre esistita, "è apparsa nella sua interezza, grazie alla rivelazione dello Spirito di Verità promessa da Cristo". [1] In questo lavoro, Rivail ha già usato il nome di Allan Kardec, un nome che usava nell'incarnazione tra i Druidi, quando si stava preparando per la missione spiritista, e non il suo illustre nome battesimale, Hippolyte Léon Denizard Rivail. La prima edizione del 18 aprile 1857 fu pubblicata con 501 domande e, secondo la rivista Reformador dell'aprile 2004, il suo lancio ebbe luogo al Palais Royal, Livraria Dentu, alla Galleria Orléans. I medium che servirono a questo lavoro furono inizialmente le giovani Caroline e Julie Boudin, rispettivamente di 16 e 14 anni, a cui Celine Japhet, di 18 anni e Miss Ermmance Defaux, di 14 anni, si unirono, con lo Spirito di São Luiz guidato il processo di revisione del libro. Dopo la prima bozza, il metodo di domande e risposte è stato confrontato con le comunicazioni ottenute da altri mezzi francesi, più di dieci secondo Kardec, i cui testi psicografati hanno contribuito a strutturare il lavoro. La seconda edizione francese fu lanciata il 18 marzo 1860 e il libro degli spiriti fu considerato quasi come un nuovo lavoro, sebbene non vi fossero cambiamenti ai principi, tranne un numero molto piccolo di eccezioni, che furono considerate complementari e chiarificazioni piuttosto che reali cambiamenti. Per realizzare questa recensione, Kardec ha mantenuto i contatti con gruppi di spiritisti provenienti da circa 15 paesi in Europa e nelle Americhe, con 1018 domande e risposte già incluse nella seconda edizione, con alcuni problemi attuali che portano 1019 domande, un'aggiunta che secondo la Federazione spiritista brasiliana deriva dal fatto che l'Encoder non ha numerato la domanda immediatamente dopo 1010, quella che sarebbe 1011. Pertanto, il libro avrebbe, in effetti, 1019 domande. [2] Le risposte psicografate dai medium sono state riviste, analizzate e spesso confrontate con altri messaggi, la revisione essendo necessaria a causa della difficoltà di comprendere ciò che gli spiriti dicevano e, inoltre, perché gli spiriti non possedevano tutta la saggezza dell'Universo. L'edizione finale è composta da quattro parti. Il primo riguarda le nozioni di divinità, creazione ed elementi fondamentali dell'Universo. Il secondo riguarda il mondo degli spiriti, affrontando la nozione di Spirito, lo scopo della sua esistenza, il suo potenziale di auto-miglioramento, la sua pre e post-esistenza e anche le relazioni che stabilisce con la materia. Il terzo si occupa delle leggi morali, affrontando le Leggi dell'Ordine Morale di Dio: adorazione, lavoro, riproduzione, conservazione, distruzione, società, progresso, uguaglianza, libertà, giustizia, amore e carità. Infine, la quarta parte discute le speranze e le consolazioni, che includono considerazioni sul futuro dell'uomo, il suo stato dopo la morte, le gioie e gli ostacoli che trova nell'aldilà.



    [1] KARDEC, Allan. Il libro degli spiriti. Traduzione di José Herculano Pires. 8a ed. San Paolo: FEESP, 1995. P. 08.     [2] Wikipedia. Il libro degli spiriti. Disponibile all'indirizzo: <https://bit.ly/2MUvKqQ>. Accesso: 14 giu. 2018.

2020 © Todos direitos reservados Conhecendo o Espiritismo