I fenomeni medianici hanno avuto inizio con lo spiritismo?


No, i fenomeni medianici sono sempre esistiti. La mediocrità è una facoltà intrinseca della specie umana, la comunicazione tra i due piani della vita è sempre stata conosciuta da tempo immemorabile. Tuttavia, ha dovuto subire un processo lento e graduale di evoluzione, la cui storia accompagna l'evoluzione stessa dello Spirito.



I primi abitanti del pianeta chiamavano dio tutto ciò che presentava caratteristiche soprannaturali, qualsiasi cosa sfuggisse alla loro comprensione, come i fenomeni della natura e persino le abilità percepite in un altro individuo che lo distinguevano dagli altri. Di conseguenza, li adoravano, e poiché non possedevano il senso morale e intellettuale sviluppato, i popoli primitivi offrivano agli dei sacrifici umani e animali, nonché offerte dei frutti della terra. Tali sette furono caratterizzati da pratiche psichiche e magiche che durarono per millenni.



Attraverso le esperienze di reincarnazione, l'uomo impara a usare la sua energia spirituale, estraendo elementi del fluido cosmico universale, che saranno studiati in una domanda successiva, elaborando e perfezionando i suoi meccanismi di espressione e comunicazione, tra loro e con gli abitanti del mondo spirituale.


Inizia lo stesso processo di civiltà, che ha il potere di modificare la faccia del Pianeta. Il processo evolutivo non era, naturalmente, svolto esclusivamente dall'individuo, sempre supportato da intelligenze superiori, consentendo al corpo spirituale (perispirito) di migliorare se stesso, e come risultato prodotto un veicolo fisico in grado di sollevare voli più alti.


Mentre lo Spirito si evolve attraverso innumerevoli reincarnazioni, naturalmente le sue facoltà percettive vengono allargate, impara a raffinare le onde del pensiero, perché la psiche umana è strutturata meglio. Attraverso l'attivazione, emette vibrazioni che attraggono i pensieri e le idee di spiriti simili, incarnati e disincarnati.




L'intuizione era il sistema iniziale di interscambio e, nel tempo, l'essere spirituale si rende conto che la mente è la chiave di tutto, ed è guidare tutti i bisogni evolutivi dello spirito. Il pensiero, forza creativa, coinvolge le menti nel suo campo, ma anche i meccanismi di reciprocità, è influenzata da spiriti, incarnata e disincarnata, superiore e inferiore.


Cercando di fare una panoramica storica della medianità, portiamo la sequenza citata medianità dispensa: studio e la pratica del programma 1, organizzatore Marta Antunes de Oliveira, pubblicato dalla Spiritica Federazione Brasiliana, il cui contenuto è stato ispirato da tre Spirito opera: Evoluzione in due mondi, il André Luiz Spirit, psicografia di Francisco Cândido Xavier, FEB; Sulla via della luce, dello Spirito Emanuele, psicografia di Francisco Cândido Xavier, FEB; e Spirito e tempo - Introduzione antropologica dello spiritismo, di Herculano Pires. Edicola Casa Editrice.

Inizialmente porta la primitiva medianità, dove l'intuizione appare come la medianità iniziale. Vediamo la media idolatra, che ama o teme le forze della natura, di cui come "dei": sole, cielo, la luna, le stelle, la pioggia, gli alberi, i fiumi, il fuoco, essere umano che si distingue nella comunità. Poi abbiamo la medianità tribale, in cui si sviluppa una mentalità psichica collettiva, con la credenza di gruppo negli spiriti o negli dei. Le concezioni del cielo genitore sorgono, come il Creatore o il fecondatore, e la madre terra, come la generatrice, che è stata fecondata dal creatore.


Il feticismo era già una forma più raffinata di medianità tribale, con una forte colorazione psichica, caratterizzata dal culto di feticci o oggetti materiali, che rappresentano la Divinità o Spiriti. Appare la figura del guaritore o stregone, sempre molto rispettato e riverito e allo stesso tempo amato e temuto dagli altri membri della tribù o clan. Col passare del tempo, le pratiche si sono sviluppate in altre, ora conosciute come voodoo e magia nera.


Abbiamo anche medianità mitologico, che caratterizza la pratica psichica dalla presenza di miti, con un simbolismo della creazione dell'universo e gli esseri, così come per magia, attraverso la medianità e pratiche psichiche forti connotazioni rituali. Il mediunismo oracolare fu quello che nacque nel periodo della storia umana considerato come l'inizio della civiltà, essendo politeista e religioso. Gli dei, gli Spiriti, erano adorati dalla società, facevano parte di una società gerarchica, dove c'è un dio più grande, Zeus, che vive in un determinato luogo, come l'Olimpo. Tali dèi sono immortali, potenti, ma possiedono passioni tipiche degli uomini mortali, come l'odio, l'amore, il rancore, la compassione.


Ogni dio è responsabile per la gestione di una parte della Terra o terrene esseri, che costituiscono gli oracoli al centro di tutte le attività umane, niente da fare senza consultarli in anticipo, la Grecia considerata il centro della medianità oracolare, con l'oracolo Delfi è la divinità più famosa e rappresentativa. Spiriti e divinità parlavano attraverso un medium chiamato Pythoness, o temporaneamente occupavano i loro corpi per manifestarsi, e usavano oggetti dal tempio, come una statua, o elementi della natura.


Nei tempi antichi, secondo Emmanuel, medianità ha le seguenti caratteristiche: una faccia esterna o exoterica della natura polytheistic, teatro, superstizioso, pieno di magia, volto a manifestazioni pubbliche e una faccia interna o esoterico dell'essenza monoteista, coinvolgono gradi di arduo iniziazione praticata all'interno dei templi da medium, maghi, pitonate, ecc., genericamente chiamati "iniziati", che erano tenuti sotto la supervisione dei sacerdoti.


In effetti, la pratica medianica dell'inizio dei tempi arrivò più prominente non solo tra i greci ma anche tra le altre popolazioni greche, egiziane, indù ed ebraiche. Quando guardiamo la Bibbia, troviamo la medianità come qualcosa di naturale e bellissima, la medianità profetica era che la maggior parte si è distinta ed è stato importante per la nascita della prima religione conosciuta, l'ebraismo.




Ricordo ancora la strana figura di Mosè, che ha un grande medianità e potenti risorse spirituali, e Dio gli concesse la missione di portare il mondo materiale i dieci comandamenti della Legge di Dio. Il giorno di Pentecoste, costante in Atti 2: 1-13, si caratterizza come il più grande fatto conoscere psichica, che segna l'inizio della pratica psichica reale.


Tutto accade nel momento giusto e secondo la comprensione dell'umanità. Lo spiritualismo non ha creato fenomeni psichici, ma è venuto a spiegare loro, togliere il velo su quello che era fino ad allora sconosciuto. Mentre le cose stanno definendo via via, nel corso del tempo, sia mostrando presto nella sua interezza, si può dire che tutto il passato era come una preparazione per il futuro avvento di spiritismo.


Abbiamo finalizzato il tema del caso, con Il Vangelo secondo lo Spiritismo, affermando che tutta la conoscenza deve essere proporzionale all'intelligenza che a cui si rivolge, perché sappiamo che ci sono persone a cui una forte luce abbaglia senza chiarire, in modo cautela mandate nascondersi fino a quando l'uomo ha raggiunto un certo livello di sviluppo, in grado di cercare la luce, pesa il suo buio. Questa volta, tutto ciò che è nascosto sarà rivelato un giorno, e che l'uomo non può capire sulla Terra, sarà successivamente rivelato nei mondi più avanzati, quando più purificata e debug. [1]

    

[1] KARDEC, Allan. Il Vangelo secondo lo spiritismo. 131 ed. Brasília: FEB, 2013. p. 292.

2020 © Todos direitos reservados Conhecendo o Espiritismo