In che modo Allan Kardec codificò la dottrina spiritista?


Sebbene Kardec non fosse uno scienziato di professione, legato a una specifica branca delle scienze, era titolare di uno "spirito scientifico", poiché conteneva tutte le condizioni indispensabili alla professione: 1) Serenità verso fatti medianici, né negata né affermata in linea di principio; 2) Autocontrollo per non essere entusiasti dei primi risultati; 3) Fare attenzione quando si selezionano le comunicazioni; 4) Attenzione nelle dichiarazioni, per evitare la divulgazione affrettata di fatti non ancora esaminati, provati e; 5) Umiltà nel cercare la verità prima e soprattutto.


Lo spiritismo e la scienza non sono forze antagoniste, ma al contrario si completano a vicenda. La scienza, propriamente parlando, ha come oggetto lo studio delle leggi del principio materiale, mentre lo spiritismo ha come oggetto la conoscenza delle leggi del principio spirituale e, poiché questa è una delle forze della natura che reagisce sul principio materiale, la conoscenza di uno non è completo senza la conoscenza dell'altro. In questo senso, si osserva che la scienza senza spiritismo non può spiegare alcuni fenomeni usando solo leggi materiali. Allo stesso modo, lo spiritismo senza scienza diventa privo di supporto e prove.



Nel processo di codificazione dello spiritismo, Allan Kardec ha usato il metodo sperimentale, analogamente a quello usato dalle scienze positive. Tale metodologia si basava su osservazione, confronto, analisi sistematica e conclusioni. Non esisteva una teoria preconcetta sull'esistenza di spiriti e altri principi dottrinali, la cui concezione è avvenuta solo dopo l'osservazione e la verifica dei fatti. In altre parole, non è stata l'osservazione dei fatti che ha portato alla conferma di una teoria dello spiritismo, ma la teoria è nata solo dopo la verifica dei fatti, il cui scopo era di spiegarli. Pertanto, lo spiritismo è una scienza dell'osservazione e non un prodotto dell'immaginazione dell'uomo. [1]


Nell'esercizio del metodo sperimentale, ha cercato di rintracciare gli effetti alle cause attraverso la deduzione e il collegamento logico dei fatti, ammettendo una spiegazione valida solo quando ha risolto tutte le difficoltà del problema, avendo sempre proceduto in questo modo nei suoi lavori precedenti. Sebbene Kardec usasse il metodo induttivo per tessere le prime basi della Dottrina Spiritista, osservando diversi esempi per trarre una conclusione generale, usò anche il cosiddetto processo deduttivo, ragionamento attraverso il quale le conclusioni sono tratte attraverso determinate premesse, un poiché i processi scientifici richiedono una combinazione di entrambi.


L'aspetto di fondamentale importanza rispetto al metodo di codificazione di Dottrina è ciò che chiamiamo controllo universale degli insegnamenti degli Spiriti, caratterizzato da due aspetti importanti: la generalità o l'universalità degli insegnamenti, che hanno validità universale, avendo Dio affidato agli Spiriti di prenderli da un angolo all'altro del pianeta, manifestandosi ovunque; l'accordo degli insegnamenti, perché usavano un gran numero di medium che erano estranei l'uno all'altro e in vari luoghi, ma tutti in accordo con gli insegnamenti.



Ritornando al tema della Genesi, Kardec insegna che la generalità e l'accordo nell'insegnamento sono il carattere essenziale della Dottrina, la condizione stessa della sua esistenza, risultante in qualsiasi principio che non ha ancora ricevuto la consacrazione del controllo della generalità non può essere considerato parte integrante della stessa dottrina, essendo sempre un'opinione isolata e lo spiritismo non può assumersi la responsabilità.


L'opinione concorde degli spiriti, esaminata dalla logica, costituisce la forza della dottrina spiritista, assicurandone la perpetuità. Perché cambi, l'universalità degli spiriti dovrebbe cambiare opinione, dicendo il contrario, poiché ha la sua fonte nell'insegnamento degli spiriti e, per soccombere, sarebbe necessario che gli spiriti cessassero di esistere. [2]


Pertanto, si osserva che Kardec comprendeva nel suo cuore la gravità dei fenomeni che era disposto ad osservare e il modo in cui potevano rivoluzionare idee e credenze. Per questo motivo, ha cercato di agire con grande circospezione, essendo positivista e non idealista, in modo da non essere contaminato da illusioni.


  1. [1]KARDEC, Allan. A Gênese. 53 ed.Brasília: FEB, 2013. p. 22. [2]KARDEC, Allan. A Gênese. 48. ed. Rio de Janeiro: FEB, 2005. p. 11.

2020 © Todos direitos reservados Conhecendo o Espiritismo