Lo spiritista può frequentare altre chiese?

Sì certo, nessun problema. La cosa più importante non è l'etichetta della religione, non essere spiritisti, cattolici, buddisti, protestanti, ma vivere la legge dell'amore e della carità, essere veramente cristiani nel senso ampio della parola, nel senso di mettere in pratica il Vangelo. che il Divino Maestro ha insegnato.


Quando si tratta del piano spirituale, siamo sicuri che non ci verrà chiesto quale religione professiamo, ma vedremo come conduciamo le nostre vite quando incarnati, se conosciamo l'amore, la carità e la fratellanza o se eravamo orgogliosi, egoisti, calunniosi e se vivessimo solo per il bene dei nostri stessi interessi.


Sappiamo che ci sono persone che non frequentano una particolare religione, ma sono persone estremamente gentili e che danno amore, che non perdono l'opportunità di fare del bene nei gesti più semplici e più piccoli. Questa persona, sicuramente, è molto ben considerata agli occhi di Dio perché applica la Sua Legge. D'altra parte, hanno molti spiritualisti, cattolici, protestanti, evangelici, tra gli altri, che vivono nei loro templi o case religiose, luoghi che, in teoria , avvicina l'uomo a Dio, ma in pratica non fai ciò che professano.



A livello spirituale, anche attraverso le osservazioni di Manoel Philomeno de Miranda, nell'opera Transizione planetaria [1], è dimostrato che il più importante è l'amore e non l'etichetta delle religioni. Lì, la carovana del piano spirituale distaccata per assistere i cuori disincarnati nello tsunami indonesiano nel 2004 è formata da religiosi di varie convinzioni.


Cita l'autore spirituale, nella presentazione degli operai della carovana, che era curioso per la grandezza del lavoro progettato e, soprattutto, per la loro convivenza con spiriti di culture e abitudini diverse con le quali non aveva familiarità. Informa che gli amici filippini si sono presto identificati, e il più anziano era stato un prete cattolico in una delle tante isole e si chiamava Mark, essendosi dedicato al ministero della fede religiosa e dell'educazione della prima infanzia, disincarnandosi nel 1954, a settant'anni.


L'altro, più giovane e sorridente, era vestito secondo il suo popolo, chiarendo che apparteneva alla religione musulmana ed era conosciuto come Abdul Severin, avendo sbocciato vittima di febbre palustre a 40 anni. Sottolinea che la carovana era composta da membri di varie formazioni spirituali, ma che avevano come punto comune di comprendere l'amore sovrano che prevale nell'universo, essendo una delle forze dell'equilibrio cosmico, dell'essenza divina.



L'autore spirituale, a quel tempo, riferisce che il suo amico Oscar aveva un background ebraico e lui uno spiritista, percependo tutti, toccantemente, che appartengono allo stesso gruppo, quello del bene incorruttibile, inalterabile.


In effetti, l'autore spirituale Miranda chiede a padre Marcos come ha riconciliato il concetto di reincarnazione con i dogmi sposati dalla sua formazione cattolica. che li vestono di superstizioni, leggende e dogmi, secondo i livelli di coscienza delle creature, vegliano e liberano gli altri. Tuttavia, sottolinea che quando l'individuo ritorna nella terra dell'immortalità, le formule scompaiono, dando origine alla nascita dell'essenza, che viene presto assimilata dall'affinità e dalla logica del Bene universale.



Questa volta, come spiegato nella domanda precedente, lo spiritismo non ha discriminazioni o pregiudizi contro alcuna religione. La religione non ha importanza, non è la dottrina spiritista che salva, ma l'esperienza delle leggi di Dio, la Legge di Giustizia, Amore e Carità. Tutte le credenze che avvicinano l'uomo a Dio sono belle e meritano il nostro rispetto e ammirazione. Tanto che il Vangelo secondo lo spiritismo dice "al di fuori della carità non c'è salvezza" e non "al di fuori dello spiritismo non c'è salvezza".


[1] FRANCO, Divaldo Pereira. Transizione planetaria Dallo Spirito Manoel Philomeno de Miranda. [s.l.]: Spiritist Light, 2011. p. 24.

2020 © Todos direitos reservados Conhecendo o Espiritismo