Perché ci sono ancora pregiudizi di varie religioni contro lo spiritismo?

Perché c'è ignoranza su cosa sia lo spiritismo. Sebbene siamo nella metà del 21 ° secolo, con innumerevoli libri a nostra disposizione, Internet, CD, DVD, film, televisione, ecc., Quando si parla di spiritismo, molti ancora lo temono e lo criticano, e sebbene la maggior parte delle religioni monoteiste di oggi adorino il stessa divinità, molti religiosi non sono in grado di accettare, o vivono solo in pace, con persone che non seguono le stesse credenze e dogmi.


José Herculano Pires, affrontando il pregiudizio contro lo spiritismo, nel libro The New Man [1], sottolinea che il pregiudizio anti-spiritista sembra essersi verificato contro il cristianesimo nel mondo antico, nel senso che le persone che temono e non conoscono il Lo spiritismo gli dà applicazioni improprie, perdendosi in un groviglio di leggende e ipotesi sulle sessioni spiritiche. Normalmente gli spiritisti sono accusati di demoniaco, negromante, stregone, tra gli altri, proprio come i greci e i romani facevano ai primi cristiani.


Ricorda che queste false dichiarazioni dello spiritismo non sono solo orali, tra persone semplici, ma anche in pubblicazioni accademiche, riviste, giornali, saggi e studi, con firmatari colti. L'autore porta anche l'opinione di Pitagora, affermando che la terra è la dimora dell'opinione. Ed essendo l'opinione una cosa frivola, incerta e irresponsabile, non c'è da stupirsi che così tante persone esprimano la propria opinione su ciò che non sanno, e questa è un'abitudine che esiste anche tra le più intellettuali.



Tuttavia, quando si tratta di una dottrina spirituale, sostenuta da così tanti uomini istruiti, di proiezione nel mondo della scienza e del pensiero, le persone in tutto il mondo, della cultura o persino della cultura media, dovrebbero stare più attente nel posizionarsi. rispetto, perché se il diritto all'opina è libero, lo è anche per giudicare il senso di responsabilità dell'opina. Secondo José Herculano Pires, la più grande ragione per temere lo spiritismo è la codardia umana, che fa rabbrividire gli uomini con la paura per il pericolo di cambiare le loro opinioni davanti al mondo e alla vita, quando lo spiritismo cambia la concezione ristretta di una vita falsa, per un'ampia concezione della vita spirituale, profonda e vera.


È dalla logica naturale del critico che, parlando di qualcosa, lo conosce a fondo, non superficialmente, una situazione in cui la sua opinione non avrebbe alcun valore. Kardec sottolinea la necessità di studiare profondamente lo spiritismo in modo da poter emettere qualsiasi critica del valore. Nel libro What is Spiritism [2], il codificatore, in dialogo con un critico della dottrina spiritista, che desiderava scrivere un libro su ciò che considerava un errore, afferma che per affrontare una domanda ex professo, equivale a dire che è stato studiato da tutte le sue facce, che tutto è stato visto e letto sull'argomento, con analisi e confronti di opinioni diverse, cioè nulla è stato trascurato per raggiungere la verità, perché solo chi fa tutto ciò può dire chi parla consapevolmente.



Lo spiritismo rispetta tutte le religioni e difende la libertà di coscienza, una conseguenza naturale della libertà di pensiero, patrimonio dell'uomo. Comprende che ogni convinzione che incoraggia ed educa l'essere umano a fare il bene e non il male è rispettabile. La religione, tuttavia, non può essere utilizzata come meccanismo di persecuzione o imposizione, poiché la credenza quando imposta non sviluppa i veri valori, la fede sincera e l'amore dell'uomo.


Ricordiamo le sagge e fraterne parole del defunto Chico Xavier [3] che, partecipando al programma Tinga Pinga Fogo nel 1971, rivolgendosi a tutte le religioni e miracoli, sottolinea che tutte le religioni che rendono l'uomo buono sono buono e sono strumenti della connessione dell'uomo con Dio. Ha detto che tutti i fenomeni di bontà divina, come quelli provocati dalla Chiesa cattolica, considerati da lui come la madre della nostra civiltà, sono legittimi e, quindi, i creditori della nostra venerazione, sottolineando che non siamo separati, gli evangelici riformisti e gli spiritisti. Cristiani per differenze fondamentali.



Informa gli spiriti che insegnano che, sebbene siamo tutti in diverse gamme di interpretazione, siamo una famiglia solo davanti a nostro Signore Gesù Cristo, motivo per cui riveriamo il Papa nella sua santità e gli eminenti cardinali in Brasile, protettori della nostra fede. Sottolinea che l'uomo non può dimenticare questo fatto e che ha amato la religione tradizionale in tutto ciò che è bello e divino, anche se ha seguito la gamma dello spiritismo cristiano, all'interno delle concettualizzazioni di Allan Kardec, a causa della medianità che aveva lo chiamò in questo campo di lavoro, anche profondamente cristiano.


Chico afferma che la religione è sempre buona quando fondata sui principi del bene, perché rende gli uomini buoni ed è un processo di connessione con le forze divine che emanano da Dio. Chiarisce che tutte le religioni che si oppongono allo scalpellamento della creatura umana portano autentica pace e amore, senza offesa o disprezzo per nessuno, essendo un cammino santo che gli spiritisti cristiani rispettano e devono rispettare sempre di più.



È proprio questo sentimento di fratellanza e fratellanza tra le religioni che deve esistere, dobbiamo tutti cercare di vivere in pace, lavorando per la crescita dell'umanità, fondata sull'amore e sulla vita del Vangelo di Gesù.


Lo spiritismo si riferisce alle altre religioni in modo silenzioso, sereno e rispettoso, perché comprende che proprio come lo spiritismo può condurre, a seconda del suo uso, le persone al "paradiso" o "inferno", cioè avere nei piani fisici e spirituali una vita felice o di sofferenza e dolore, anche le altre religioni possono. Dipenderà tutto da come penseranno e agiranno dopo aver studiato e praticato queste religioni.


Lo spiritismo è una dottrina sempre aperta alla convivenza e al dialogo con altre credenze religiose, basata su una più ampia comprensione degli insegnamenti morali di Gesù Cristo e delle Leggi naturali chiarite da Kardec. Non è essenziale seguire una religione o un'altra, ma comprendere le leggi naturali di Dio, agire in modo etico e morale, basato sui principi di uguaglianza, fratellanza, giustizia e amore per il prossimo, così ben presentati e vissuti da Gesù Cristo. .


Pertanto, non è il fatto di essere uno spiritista, la frequenza nei templi, la molteplicità delle parole, l'osservanza dei rituali e dei dogmi che eleva gli uomini, ma la loro riforma intima attraverso la conoscenza di sé e la ricerca di auto-illuminazione, è la pratica di Carità attraverso l'amore in azione. Questa volta, le religioni e altre filosofie devono, come ho detto altrove di Chico Xavier, trasformare l'uomo in meglio, questa è la grande sfida di tutte le credenze.



Queste osservazioni non intendono scoraggiare i rituali nei templi. In realtà, fa tutto parte del percorso dell'elevazione spirituale, e se uno pensa e desidera veramente il bene, vibra positivamente per se stesso e per il prossimo e cerca di essere un uomo buono, si sarà sicuramente "salvati", indipendentemente dalla religione che si ha. seguire.

[1] PIRES, José Herculano. Il giovane. 3 ed. San Paolo: Spiritista Fraternal Mail ABC, 1989. p. 14.

[2] KARDEC, Allan. Che cos'è lo spiritismo? 56 ed. Brasilia: FEB, 2013. p. 44.

[3] YOUTUBE. Chico Xavier parla di religioni e miracoli e delle loro visioni. Disponibile all'indirizzo: <https://bit.ly/2Nn1XUE>. Accesso effettuato l'11 giugno 2018.

2020 © Todos direitos reservados Conhecendo o Espiritismo