Qual è la visione dello spiritismo di uccidere per autodifesa?


Per rispondere a questa domanda, diamo un'occhiata a ciò che ci dice il "Libro degli spiriti" nel capitolo 6 della Legge di distruzione, omicidio: L'omicidio ha sempre lo stesso grado di colpa? - L'abbiamo già detto: Dio è giusto, giudica l'intenzione più che il fatto.


Per quanto riguarda l'omicidio, la colpa è in accordo con il fatto, il che significa che non tutti pagano il tributo delle loro azioni con la stessa intensità, perché prende in considerazione i loro sentimenti. Domanda 748, specifica per quanto riguarda l'autodifesa, Kardec chiede: esiste una giustificazione per l'omicidio in caso di autodifesa davanti a Dio? "Solo la necessità può scusarti." Ma se l'assalitore può preservare la sua vita senza attaccare quella dell'aggressore, deve farlo. Pertanto, solo la necessità di agire, in base all'impossibilità totale per preservare la vita senza attaccare la vita dell'aggressore, è che ha la scusa divina.


Il livello di colpa, nel caso dell'autodifesa, è inferiore, se paragonato a un crimine praticato dal male e che potrebbe essere evitato; perché nel primo caso c'è un'attenuazione; già, nel secondo, no. Certamente, la spiritualità non voleva essere radicale, tuttavia, in una visione strettamente cristiana, nemmeno in difesa legittima poteva essere ucciso. Da un punto di vista radicalmente cristiano e spiritualista, è meglio ricevere la morte piuttosto che inciderla su qualcuno. Colui che uccide, anche in legittima difesa, usa la violenza contro l'aggressore e la violenza può avere fattori attenuanti, ma è sempre un tentativo di vita e di legge divina. Legge sulla conservazione.


Chiunque uccide non conosce bene le leggi divine; dopo che è venuto a sapere che, in un certo senso, sta uccidendo le sue possibilità di crescere o ritardarli, cambia idea, preferendo preservare la vita dei suoi fratelli. Lo Spirito Miramez, commentando la domanda 748 del Libro degli Spiriti, ci dice:


"Non dobbiamo confondere la legge di Dio con le leggi degli uomini, perché nella legge di Dio non c'è autodifesa. Questo è il ricorso degli uomini per alleviare i loro crimini. Loro stessi, i creatori delle leggi, di così tanto male che fanno alla collettività, sono alla ricerca di un preventivo per i loro difetti. ... Se qualcuno ci attacca, è certamente perché attacciamo qualcuno. Se il pentimento vibra già nelle nostre menti e nei nostri cuori, cerchiamo i mezzi di difesa prima che il male accada. Abbandoniamo noi stessi all'amore, a tutti e a tutti, che il resto verrà da un aumento di misericordia. Dio è dappertutto, così come nell'aggressore, carica e insegna ai maltrattati che tutti e tutti sono figli dello stesso Dio.


... Non è giusto reagire contro l'aggressore; è uno strumento della raccolta di ciò che è già stato fatto; non equivale a non diventare un aggressore. Per quanto riguarda l'autodifesa, i veri sentieri sono con Gesù: quando l'odio ci viene incontro, creiamo una legittima difesa con amore; se il violento ci attacca, perdonaci, dimenticando la colpa; se qualcuno ci ruba, preghiamo per lui, senza lo Spirito della vendetta. Cerchiamo di essere onesti in tutto ciò che facciamo e pensiamo, perché la vita, così come la conosciamo, ci ripaga di ciò che diamo agli altri.


... Non ci è dato per rendere giustizia con le nostre stesse mani. Dobbiamo fare tutto ciò che le nostre mani non sono macchiate del sangue di nostro fratello.

...

Ogni assassino risponde con il suo atto contro suo fratello. L'entità della colpa è enorme, tuttavia, uccidere è sempre un grave errore, perché solo colui che ha dato la vita può prenderlo quando è conveniente.

...

Se vogliamo essere liberi dalla giustizia divina, c'è solo una via: l'amore insegnato da Gesù ".


Suggerimenti per la lettura

  • Libro degli spiriti

  • Leggi morali oggi, autore: Christiano Torch

  • Le leggi morali, di Rodolfo Calligaris

#italiano

2020 © Todos direitos reservados Conhecendo o Espiritismo